Corso Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza (RLS)

Il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza (RLS) ha diritto ad una formazione particolare in materia di salute e sicurezza così come precisato dall’art. 37, comma 10 del D.Lgs. 81/08.

Corso Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza (RLS)

rls
Il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza (RLS) ha diritto ad una formazione particolare in materia di salute e sicurezza così come precisato dall’art. 37, comma 10 del D.Lgs. 81/08. Le modalità, la durata e i contenuti specifici della formazione del RLS sono stabiliti in sede di contrattazione collettiva nazionale (art. 37, comma 11 D.Lgs. 81/08). Tale formazione deve permettere al RLS di poter raggiungere adeguate conoscenze circa i rischi lavorativi esistenti negli ambiti in cui esercita la propria rappresentanza, adeguate competenze sulle principali tecniche di controllo e prevenzione dei rischi stessi, nonché principi giuridici comunitari e nazionali, legislazione generale e speciale in materia di salute e sicurezza sul lavoro, principali soggetti coinvolti e relativi obblighi e aspetti normativi della rappresentanza dei lavoratori e tecnica della comunicazione.
Destinatari
Rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza (così come definiti nell’art. 2 del D.Lgs 81/08, Testo Unico sulla Sicurezza).
Durata 
32 ore
Programma
Il sistema legislativo in materia di sicurezza dei lavoratori; La responsabilità civile e penale e la tutela assicurativa; La “responsabilità amministrativa delle persone giuridiche, delle società e delle associazioni, anche prive di responsabilità giuridica” ex D. Lgs. n.231/2001 e s.m.i.; Il sistema istituzionale della prevenzione; I soggetti del sistema di prevenzione aziendale secondo il D. Lgs. 81/08: compiti, obblighi, responsabilità; I criteri e gli strumenti per l’individuazione e la valutazione dei rischi; La considerazione degli infortuni mancati e delle modalità di accadimento degli stessi; La considerazione delle risultanze delle attività di partecipazione dei lavoratori; Il documento di valutazione dei rischi (contenuti specificità e metodologie); Modelli di organizzazione e gestione della sicurezza; Gli obblighi connessi ai contratti di appalto o d’opera o di somministrazione; Il documento unico di valutazione dei rischi da interferenza; La gestione della documentazione tecnico amministrativa; L’organizzazione della prevenzione incendi, del primo soccorso e della gestione delle emergenze; I principali fattori di rischio e le relative misure tecniche, organizzative e procedurali di prevenzione e protezione; Attrezzature di lavoro; Rischio elettrico e lavori elettrici (norma CEI 11-27); Agenti chimici: REACH e CLP; Videoterminali; Il rischio da stress lavoro-correlato – Rischi ricollegabili al genere, all’età e alla provenienza da altri paesi; I dispositivi di protezione individuale; La sorveglianza sanitaria; L’informazione, la formazione e l’addestramento; Le tecniche di comunicazione; Il sistema delle relazioni aziendali e della comunicazione in azienda; La consultazione e la partecipazione dei rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza: natura, funzioni e modalità di nomina o di elezione dei rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza; La movimentazione manuale dei carichi: i rischi connessi con una delle attività più diffuse negli ambienti di lavoro; Il D. Lgs. 81/08 e la movimentazione manuale dei carichi; Metodologie per la valutazione dei rischi: la norma UNI ISO 11228-1 “Ergonomia Movimentazione manuale Parte 1: Sollevamento e spostamento” e il metodo NIOSH; Il rischio derivante dalle operazioni di traino spinta: la norma UNI ISO 11228-2 “Ergonomia Movimentazione manuale Parte 2: Spinta e traino”; Gli strumenti per la misurazione delle forze di traino spinta: il dinamometro; Il rischio derivante dai movimenti ripetuti: la norma UNI ISO 11228-3 “Ergonomia Movimentazione manuale – Parte 3: Movimentazione di piccoli carichi con grande frequenza” e la check list OCRA; I rischi da movimentazione carichi per mezzo di attrezzature; I lavori ad alto rischio: come valutare il rischio e gestire le attività con alta magnitudo di danno; I lavori in quota e D. Lgs. 81/08; Le procedure per effettuare lavori in quota in sicurezza: linee guida di riferimento; Lavori in ambienti confinati: le linee guida di riferimento per la sicurezza; Il D.P.R. 177/11 sulla qualificazione delle imprese operanti in ambienti confinati; Come certificare i requisiti delle imprese operanti in ambienti confinati; Rischio rumore e vibrazione: valutazione e misure di sicurezza; Il rischio da campi elettromagnetici: i livelli di esposizione e gli obblighi previsti dal capo IV del D.Lgs. 81/08; Il rischio da radiazioni ottiche artificiali (ROA) e il D. Lgs. 81/08; La norma UNI 14255 “Misurazione e valutazione dell’esposizione personale a radiazioni ottiche incoerenti” Test finale
Luogo di svolgimento
Pescara, C/o Confindustria Chieti Pescara – Via Raiale, 110/bis – 65128
Tutti i docenti sono professionisti esperti in materia di salute e sicurezza sul lavoro, qualificati come formatori sulla sicurezza ai sensi del D.I. 6/3/13.
Per maggiori informazioni


    Condividi sui social